| | | |

Wedding Planner Venezia    Wedding Planner Venice    Wedding Planner Venise
Fidanzamento a palazzo a Venezia Italia

Fidanzamento a palazzo a Venezia Italia

Robin ha scelto di chiedere la mano della sua fidanzata a Palazzo nella magica città di Venezia in Italia

 

Robin e Rebeca, dal cuore del continente americano. Robin e Rebecca sono partiti da El Salvador per un'indimenticabile vacanza a Venezia. Quando c'è di mezzo un oceano e migliaia di miglia di distanza significa che il viaggio ha in serbo qualcosa di unico. C'è attesa. C'è curiosità. C'è Venezia, la sua laguna e le sue gondole. Una voglia di camminare in questa città assaporando ogni minimo passo. Lasciando alle ombre degli edifici storici la voglia di confrontarsi con i riflessi dell'amore. Robin ha organizzato il proprio fidanzamento in un palazzo a Venezia. È pronto a chiedere la mano della sua dolce Rebeca. Che la storia prenda il via. Che il romanticismo trionfi.

Dichiararsi e fare una proposta di matrimonio a Venezia è un sogno da film o soap opera che sia. Chiunque non abiti in questa città, almeno una volta lo avrà sognato. Qualcuno però passa dai fatti alla realtà e con la complicità dell'eccellente organizzazione, ecco un palazzo tingersi di magia. La Storia artistica è lì, quella umana si sta gonfiando di caldo inchiostro in questo preciso momento. Tutto è pronto. La scena del “delitto” ribolle di atmosfera. Musica classica in sottofondo. Un grande cuore formato da petali di rosa orna il pavimento. Un grande candelabro con tre candele rosse al centro della tavola.

Robin non ha badato a spese e a immaginazione. Cogliendo in pieno lo spirito “Goldonesco” della Venezia dei tempi della Serenissima, per celebrare a dovere il fidanzamento, ha fatto accogliere lui e la sua compagna da una coppia di maschere a palazzo. A infondere ulteriore armonia, un degno accompagnamento musicale. L'arpa rintocca. Il violino lascia sgusciare tutto il sentimentalismo interiore. Robin e Rebecca si parlano. Stretti. Il momento è cruciale, poi finalmente l'uomo s'inginocchia e le mostra l'anello. Nessuna esitazione. Robin si rialza ed è libero di abbracciare Rebeca, sua futura sposa.

Come se non fosse già abbastanza radiosa e bellissima, Rebeca si sistema un po' in capelli e si asciuga il viso carezzato da qualche lacrima di commozione. Guarda l'anello ancora nell'astuccio. Un po' di incredulità e sconfinata felicità. Abbraccia nuovamente il suo futuro marito baciandolo e sentendosi vicini come mai prima. Questo è il loro momento. Questa è la loro storia. Questa è una romantica proposta di matrimonio a Venezia che vede protagonisti Robin e Rebeca. Le delicate onde sonore dell'arpa femminile si fondono con la decisive sferzate del violino maschile. Robin invita Rebeca a ballare.

Eccoli, due giovani hanno detto si all'amore eterno. Troppo spesso ci soffermiamo su tutto quello che non va nel mondo. Non oggi. Non dinnanzi a questa dolcissima coppia che ha scelto di proseguire il cammino della loro vita insieme. E non importa le difficoltà che un giorno incontreranno. Oggi tutti gli scorci della Serenissima attendono solo loro. Oggi i gabbiani volteggiano nel cielo e tramandano la loro proposta di matrimonio in un palazzo a Venezia. Oggi tutte le sculture affacciate sul Canal Grande bisbigliano ed empatizzano con i cuori di Rebeca e Robin. Oggi, lungo i canali che attraversano la città, i pesci guizzano fuori come delfini nel “Titanico” oceano per salutare i due innamorati giunti fin qui dal Centro America.

La proposta è stata fatta. La vetta è stata conquistata. Adesso si può ammirare il panorama senza più patemi. Adesso ci si può rilassare e gustare il panorama, a cominciare da un classico aperitivo veneziano. Vestiti in un perfetto mix di casual e raffinata eleganza, Robin e Rebeca si siedono a tavola iniziando a saggiare le specialità del posto. Anche la cucina è un'arte e quando c'è di mezzo un impegno a infinita scadenza, com'è appunto il matrimonio, ci vogliono le portate e i sapori giusti. I due fidanzatini escono. Rebeca stringe tra le mani un mazzo di rose.

Venezia, sole e? Manca qualcosa. Manca lei, la gondola. Tempo di raggiungere l'approdo e sono a bordo. La giornata è splendente. Piccoli kayak fanno concorrenza a vaporetti e le già citate imbarcazioni simbolo. Il gondoliere si muove con garbo. Dalla principale via fluviale, si passa ai canaletti tanto amati da artisti, veneziani e turisti. Le mani sono sempre più strette. Le labbra si toccano con amorevole intensità. Anche quando lo sguardo di Rebeca si perde nella meraviglia veneziana, Robin le bacia il capo. Sulle basi dei palazzi e delle case poggiate da secoli sulle palafitte, l'odore delle alghe si mescola al silenzio e l'aria marina.  

Il rientro è in Piazza San Marco. La storia del fidanzamento sembra già un ricordo lontano. Gli sguardi s'incrociano ancora. Le punte dei loro nasi si guardano decisi e festanti. Procuratie Vecchie. Procuratie Nuove. Un saluto al cospetto di Palazzo Ducale e poi via, in taxi privato fino alla vicina isola di San Giorgio per quest'ultimo valzer d'amore. Davanti a loro c'è il vento e Venezia. Tutt'attorno a loro, un'atmosfera che sarà difficile raccontare a parole. Novelle creature “Lalandiane”, come Sebastian (Ryan Gosling) faceva volteggiare Mia (Emma Stone), così Robin libra tra le sue braccia Rebeca. Ciak, l'amore trionfa.

 

 

 

Ph: Laurè Jacquemin